avvisiparroc

gparrocchial

messe

Pace e bene fratelli e sorelle!

pasq17Veramente Cristo non è morto. God  is not dead!!!.

Cristo è risorto, alleluia! È ancora vivo, perché è buono, ma lo abbiamo dovuto conoscere prima durante l'anno meraviglioso della misericordia, tanto legata alla quaresima e al nostro incontro personale come discepoli­ missionari, concetto partito dal  documento della V Conferen za dell'Episcopato Latino americano in Brasil-Aparecida nel 2007.

Durante l'anno 2015, grazie all'intervento di Papa Francesco, abbiamo sperimentato tanti segni della misericordia di Dio attraverso il Giubileo Straordinario della Misericordia conclusosi con la  Lettera "Misericordia et Misera" il 20 novembre 2016. Inoltre "un'esperienza di grazia che la Chiesa ha vissuto con tanta efficacia nell'anno giubilare è stato certamente il servizio dei Missionari della Misericordia. La loro azione Pastorale ha voluto rendere evidente che Dio non pone alcun confine per quanti lo cercano come un Padre". Infatti nella vita cristiana di ognuno di noi è necessario ritrovare il sacramento della Riconciliazione in modo tale che, mentre a nessuno sinceramente pentito è impedito di accedere all'amore del Padre che attende il suo ritorno, a tutti è offerta la possibilità di sperimentare la forza liberatrice del perdono: un'occasione propizia può essere, dice il documento, la celebrazione dell'iniziativa "24 ore per il Signore" in prossimità della IV domenica di Quaresima che, come parrocchia, realizzeremo il 25 marzo con le consacrate che lavorano con noi: Suore della Carità di Santa Giovanna Antida e Suore Orsoline che offrono un lavoro prezioso nella Parrocchia, e  allo stesso tempo i giovani che si preparano per il sacramento della Cresima e della Prima Comunione insieme con tutte le nostre catechisteche settimana dopo settimana offrono il tempo e la loro disponibilità per comunicare con passione Cristo vivo e risorto.

Del resto Gesù rivela la natura di Dio come quella di un Padre che non si arrende mai fino a quando non ha dissolto il peccato e vinto il rifiuto con la compassione e la misericordia che è presentata come la forza che tutto vince, che riempie il cuore d'amore e che consola con il perdono.

A questo punto mi piacerebbe sviluppare per tutti noi il brano del Padre misericordioso ingiustamente ricordato come la parabola del figlio Prodigo, perché in realtà qua viene messa in risalto la figura del Padre buono davanti a due figli, uno minore e l'altro maggiore: si fa festa davanti al ritorno del minore scapestrato con disapprovazione del figlio maggiore. Il perdono del padre ci ricorda la misericordia di Dio.
E tutti in certa misura abbiamo tanto di questi due figli che devono fare l'ingresso per la porta della misericordia.

Per quanto riguarda le porte pastorali oppure l'attività della Parrocchia, ricordiamo il pellegrinaggio in Terra Santa, un momento di grande devozione che ci ha uniti nel ripercorrere commossi i luoghi della vita di Cristo. Inoltre in questo periodo, altre porte si aprono, ci occupiamo della benedizione delle case durante la quale riceviamo un'accoglienza affettuosa come sempre: grazie a tutti i nostri parrocchiani che, con la loro presenza in chiesa, ci aiutano nel nostro percorso o itinerario cristiano per entrare al braccio misericordioso del Padre.

Un parola alla Corale San Francesco per l'impegno nell'offrire la bellezza della musica in ogni incontro con il Signore. Abbiamo puntato tanto sulle  famiglie, nell'incontro mensile con una cena e abbiamo imparato da voi, cari genitori, che cosa significa veramente la parola "alterità". Dio vi benedica.

Grazie alle persone che recitano il Rosario prima della Messa, alle persone che partecipano alle lodi del mattino e del vespro, alle catechiste e a coloro che, in silenzio, puliscono la chiesa, curano i fiori e la liturgia della messa durante la settimana. Siamo riconoscenti per l'identità e lo spirito di appartenenza che dimostrano i gruppi dell'ordine francescano secolare (Ofs) e il gruppo missionario dei giovani e adulti, senza dimenticare il nostro laboratorio Santa Chiara, gioiello della missione ad intra e ad extra. Per ogni necessità ribadiamo la disponibilità di noi fratelli per le confessioni.

Buona Pasqua a tutti.Un forte abbraccio.
Dio vi benedica in Cristo e Maria.
Fr. Juan Rieardo Loayza Platas Parroco

 

Miei cari Parrocchiani, Pace e Bene.

96Il 2016 sta volgendo al termine portando con sé le nostre esperienze di vita di questi lunghi mesi.

Durante tutto l'anno vi ho sentiti molto vicini; vi ho visto numerosi partecipare alle funzioni e condividere i momenti di fraternità e di preghiera: i bambini, durante la messa, hanno sottolineato con il canto i passaggi liturgici, così gli adolescenti si sono impegnati nella Missione Giovani, così la "Corale San Francesco" ha puntualizzato i momenti toccanti delle Messe Solenni. Si è chiu so l'anno del Giubileo della Misericordia, l'anno del perdono e della carità. Da questo anno di grazia noi riprendiamo il cammino verso il domani aiutati dalla consapevolezza che Dio ci ama e che, se ci affidiamo a Lui, con la sua misericordia ci accompagnerà sempre e ci sosterrà nei vari momenti più o meno difficili del nostro vivere.
Chi con la preghiera alimenta la sua fede, non sarà mai in preda alla disperazione.

La lettura del Vangelo porta nei nostri cuori grandi esempi di misericordia: Gesù e l'adultera, la peccatrice che cosparge di profumo i piedi di Gesù e li asciuga con i suoi capelli, il ladrone crocifisso che implora il perdono e trova grande consolazione nelle parole di Gesù.
Come dice Papa Francesco, nella sua lettera apostolica "Misericordia et  Misera", l'anno della misericordia è chiuso, ma la misericordia deve continuare in noi protesi ad aiutare i sofferenti e i deboli e a farci sentire vicini a chi soffre e a chi ha bisogno di noi.
Il Papa dice che la quarta preghiera eucaristica è un inno alla misericordia di Dio: "Nella tua misericordia a tutti sei venuto incontro, perché coloro che ti cercano ti possano trovare" e ancora: "Di noi tutti abbi misericordia".

Dobbiamo chiedere allo Spirito Santo l'aiuto di farci operare verso il nostro prossimo nella carità e nell'amore pregando nel raccoglimento del silenzio. Un forte abbraccio a tutti.

In Cristo e Maria Dio vi benedica abbondante­mente.
Auguri di Buon Natale e Buon 2017.

Fr. Juan Ricardo Loayza Platas

 

lettera2016Cari parrocchiani,

con il canto del TE DEUM abbiamo concluso l'anno 2015 e abbiamo incominciato il nuovo anno ringraziando Dio Padre che ci dà la grazia di vivere un nuovo anno.

Questo è l'anno della Misericordia che ci coinvolge profondamente, perché, secondo quello che abbiamo ascoltato da Papa Francesco, viviamo in un momento di grandi cambiamenti epocali e la chiesa è chiamata ad offrire più fortemente i segni della presenza e della vicinanza di Dio.

Gesù Risorto, rivolgendosi ai suoi discepoli la sera di Pasqua, disse: "Pace a voi!". Mai come ora la pace è nella speranza di tante popolazioni che in questi momenti subiscono la violenza della discriminazione e della morte solo perché sono cristiani.

Papa Francesco ci chiama alla missionarietà, ad essere segno e strumento della misericordia del Padre, attira la nostra testimonianza affinché possiamo diventare luce; ringraziamo la nostra consacrazione.

Con il mercoledì delle Ceneri è iniziato il nostro itinerario di avventura verso la Pasqua: in Convento si è tenuta una riunione delle famiglie. Undici coppie, durante una cena, si sono trovate a parlare del bisogno di dialogo in famiglia, della comunione con il Signore.In questo anno della Misericordia è importante la famiglia, perché è il nucleo da cui nasce l'identità e l'appartenenza a Dio, attraverso i figli; perciò crediamo che l'adorazione eucaristica in comune sia un punto di arrivo e nello stesso tempo di partenza per vivere la nostra missionarietà.

Tutti i giovedì dalle 17,45 alle 18,45 si terrà l'adorazione eucaristica per lodare Dio in questo anno della Misericordia. Vi ricordo che in questo a anno si terrà un Congresso Nazionale Eucaristico a Genova a cui nella misura della nostra disponibilità dobbiamo partecipare !!! Così saremo sempre vicini a Papa Francesco. Sono con tutti voi!

Buona Pasqua di Risurrezione !
Un forte abbraccio in Cristo e Maria.

P. Juan Ricardo Loayza Platas

 

novita

 

 

       5x000

Visite agli articoli
32866

Abbiamo 7 visitatori e nessun utente online